"Nu pianefforte 'e notte sona luntanamente, e 'a museca se sente pe ll'aria suspirà."

Salvatore Di Giacomo

Corrispondenze dalle viscere del dolore.  Cuore nero, andata e ritorno dagli inferi dell’umanità. Storie reiette nell’ultimo romanzo di Silvia Avallone.

Corrispondenze dalle viscere del dolore. Cuore nero, andata e ritorno dagli inferi dell’umanità. Storie reiette nell’ultimo romanzo di Silvia Avallone.

“E le librerie indipendenti come lei sa, sono realtà fondamentali, avamposti culturali irrinunciabili, un bene comune.” Un passo vero, che non svela alcun tratto saliente, in una trama a dir poco immaginifica, conferma l’aderenza contemporanea in uno degli ultimi titoli in uscita. Nella migliore narrativa italiana e internazionale.      Cuore nero, l’ultimo romanzo scritto da SilviaLeggi di più a riguardoCorrispondenze dalle viscere del dolore. Cuore nero, andata e ritorno dagli inferi dell’umanità. Storie reiette nell’ultimo romanzo di Silvia Avallone.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Nel palazzo Donn’Anna il volto di Napoli. Le umanità diverse riflesse nel mare di Posillipo. Una sfrontata dolcezza prorompe nelle pagine di Uvaspina, primo romanzo di Monica Acito.

Nel palazzo Donn’Anna il volto di Napoli. Le umanità diverse riflesse nel mare di Posillipo. Una sfrontata dolcezza prorompe nelle pagine di Uvaspina, primo romanzo di Monica Acito.

“La genovese era stata a pippiare per cinque ore sul fuoco a fiamma bassissima: il chilo di cipolle si era sfaldato, s’era mescolato al muscoletto di vitello ed era diventato una purea che aveva la stessa consistenza della marmellata dei fichi d’India”.     Il passo narrante dal sapore invitante, non solo per la prelibata pietanzaLeggi di più a riguardoNel palazzo Donn’Anna il volto di Napoli. Le umanità diverse riflesse nel mare di Posillipo. Una sfrontata dolcezza prorompe nelle pagine di Uvaspina, primo romanzo di Monica Acito.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Cronache private. L’esegesi dell’umanità italiana .  Un affresco storico di suggestiva bellezza, il romanzo d’esordio di Valentina Parasecolo.

Cronache private. L’esegesi dell’umanità italiana . Un affresco storico di suggestiva bellezza, il romanzo d’esordio di Valentina Parasecolo.

“E purtroppo ancora oggi non tutti tra i miei colleghi sono così illuminati da rinunciare a pratiche barbare come l’elettroshock”. Il gravoso passaggio è stralciato da un dialogo fra Angelo Pent e Dora Bois. Il primo, addetto ai lavori, medico psichiatra, ha seguito il lungo ricovero in manicomio della seconda, Dora. L’ha curata, quotidianamente, riscontrandoneLeggi di più a riguardoCronache private. L’esegesi dell’umanità italiana . Un affresco storico di suggestiva bellezza, il romanzo d’esordio di Valentina Parasecolo.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Storie di poteri e sentimenti nella Sardegna del sedicesimo secolo.  Ciro Auriemma svela una Cagliari da scoprire sulle orme di Miguel De Cervantes.

Storie di poteri e sentimenti nella Sardegna del sedicesimo secolo. Ciro Auriemma svela una Cagliari da scoprire sulle orme di Miguel De Cervantes.

“Abbandonare gli amici mormorò, quasi che d’improvviso fosse solo. Non è forse questo tra i più gravi dei peccati?” Il passaggio, stralciato dal sesto intermezzo che intervalla, a sessantadue anni trascorsi dai fatti, – dando fiato, quasi concedendo un pit stop al lettore – una narrazione avvincente, dai tratti frenetici; centra un sentimento indissolubile dell’animoLeggi di più a riguardoStorie di poteri e sentimenti nella Sardegna del sedicesimo secolo. Ciro Auriemma svela una Cagliari da scoprire sulle orme di Miguel De Cervantes.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Il riscatto agrodolce per gli scugnizzi del primo Novecento.  “I bambini del maestrale”, l’imponente affresco storico di Antonella Ossorio.

Il riscatto agrodolce per gli scugnizzi del primo Novecento. “I bambini del maestrale”, l’imponente affresco storico di Antonella Ossorio.

“Difficile da spiegare, ma …è successo che a un dato momento guardandomi intorno ho avuto la precisa sensazione di essere precipitata in un brutto sogno. Quante camicie a lutto, quei gagliardetti sventolati con arroganza, quell’esaltazione insolita negli occhi della gente comune…la nostra gente! Non so come dire, d’un tratto Napoli mi è parsa un postoLeggi di più a riguardoIl riscatto agrodolce per gli scugnizzi del primo Novecento. “I bambini del maestrale”, l’imponente affresco storico di Antonella Ossorio.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Piccoli capolavori letterari del Novecento.  Anna Maria Ortese e Julien Green illuminano la “Piccola Biblioteca” Adelphi.

Piccoli capolavori letterari del Novecento. Anna Maria Ortese e Julien Green illuminano la “Piccola Biblioteca” Adelphi.

“Ottenere qualche lume dalla gioia, è cosa troppo facile. Se puoi occuparti e guadagnare qualcosa, fallo davvero, mettiti con impegno: ma non dimenticare che anche scrivendo, voglio dire pensando, si può comprare un po’ di pane o un vestito. Perciò, non scoraggiarti, tenta, consigliati con amici intelligenti, pubblica, coraggiosamente: fa che quanto hai in teLeggi di più a riguardoPiccoli capolavori letterari del Novecento. Anna Maria Ortese e Julien Green illuminano la “Piccola Biblioteca” Adelphi.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Una storia italiana.  L’ultimo saggio di Gianni Barbacetto illumina fatti dimenticati o inediti nella parabola degli ultimi decenni italiani. Segnati dalla cifra indelebile impressa da Silvio Berlusconi.

Una storia italiana. L’ultimo saggio di Gianni Barbacetto illumina fatti dimenticati o inediti nella parabola degli ultimi decenni italiani. Segnati dalla cifra indelebile impressa da Silvio Berlusconi.

“Sandro Gilioli, giornalista dell’Espresso, autore del seguitissimo blog piovono rane e poi direttore di Radio Popolare, del nuovo Berlusconi nel 2018 scrive: <<Nessuno che gli voglia bene e gli impedisca di andare in giro a fare strafalcioni spaventosi e figure peggiori, numeri sbagliati, valute sbagliate. Non ha nessuno. Il bilancio di una vita drammatico eLeggi di più a riguardoUna storia italiana. L’ultimo saggio di Gianni Barbacetto illumina fatti dimenticati o inediti nella parabola degli ultimi decenni italiani. Segnati dalla cifra indelebile impressa da Silvio Berlusconi.[…]

Print Friendly, PDF & Email
I caschi gialli della memoria.  La fabbrica, il lavoro e la dignità degli ultimi.   Un grande romanzo civile di Maria Rosaria Selo.

I caschi gialli della memoria. La fabbrica, il lavoro e la dignità degli ultimi. Un grande romanzo civile di Maria Rosaria Selo.

“Questo è un momento cruciale per noi operai. Ci sfruttano, e io non posso permettere, dopo aver rimesso in piedi lo stabilimento, che i dirigenti ci trattino come schiavi. Noi stiamo anche dodici ore davanti a una secchia, il caldo ci spezza le reni e inoltre siamo controllati pure se andiamo al gabinetto. Mi spiaceLeggi di più a riguardoI caschi gialli della memoria. La fabbrica, il lavoro e la dignità degli ultimi. Un grande romanzo civile di Maria Rosaria Selo.[…]

Print Friendly, PDF & Email
Un autunno d’agosto.  Il viaggio di Agnese Pini nella conoscenza della storia. Che non fa più paura.

Un autunno d’agosto. Il viaggio di Agnese Pini nella conoscenza della storia. Che non fa più paura.

“Un gesto di umanità. C’è sempre la pretesa di un gesto di umanità anche lì dove l’umanità si è interrotta. Persa, cancellata. Non il caso, quindi, ma l’umanità.” La citazione – come una stella polare – brilla l’incipit nella prima pagina di “Un autunno d’agosto”. Il primo libro scritto da Agnese Pini, giornalista, prima donnaLeggi di più a riguardoUn autunno d’agosto. Il viaggio di Agnese Pini nella conoscenza della storia. Che non fa più paura.[…]

Print Friendly, PDF & Email
A Cagliari il ritorno della cronista sostenibile.  Ostaggio, il nuovo noir sardo di Maria Francesca Chiappe.

A Cagliari il ritorno della cronista sostenibile. Ostaggio, il nuovo noir sardo di Maria Francesca Chiappe.

“E tutto il mondo avrebbe ammirato la città che si arrampica su nove colli bianchi regalando dal mare la vista della basilica con la maestosa scalinata e poi, poco più avanti, il bastione imponente che dà accesso al quartiere fortificato brulicante di turisti lungo le strade strette che all’improvviso si  aprono sulla grande piazza rettangolareLeggi di più a riguardoA Cagliari il ritorno della cronista sostenibile. Ostaggio, il nuovo noir sardo di Maria Francesca Chiappe.[…]

Print Friendly, PDF & Email

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi